Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Logo della Unione dei Comuni Nord Est Torino

Calcolo I.M.U. on line


Per il calcolo dell’IMU (in collaborazione con ANUTEL) clicca qui
E’ indispensabile avere i seguenti dati a disposizione:
- dati anagrafici del possessore (nome, cognome, C.F. etc)
- rendita catastale aggiornata di tutti gli immobili posseduti,  per la verifica rendita clicca qui:
Inserimento dati
 
TIPOLOGIA IMMOBILE:

1. Si sceglie con il menù a tendina, la destinazione d’uso dell’immobile (il sistema all’apertura propone “abitazione principale e pertinenze”);

RENDITA CATASTALE

2. Si inserisce la rendita catastale;

ALIQUOTA

3. L’aliquota viene proposta automaticamente dal programma sulla base della “tipologia immobile”,  se si vogliono verificare le aliquote deliberate dall’ente clicca qui:  
 
QUOTA DI POSSESSO
4. Indicare la quota posseduta dal soggetto per il quale si sta effettuando il calcolo (es. 50%);


MESI DI POSSESSO
5. Indicare per quanti mesi si è posseduto l’immobile (se per almeno 15 gg = 1 mese).



INCLUSO NEL CALCOLO ACCONTO
6. Il sistema propone SI, ma è necessario indicare NO - non incluso nell’acconto - se l’immobile è stato acquistato dopo Giugno oppure se è stato accatastato dopo Giugno (sono gli immobili privi di rendita, rurali, da accatastare entro novembre  2012);
 
IMMOBILE STORICO / INAGIBILE

7. Indicare SI, se è immobile storico (come previsto dalla normativa) o se è immobile inagibile o inabitabile (condizione che deve essere stata accertata dall’ufficio tecnico del Comune).
 
N° CONTITOLARI CONVIVENTI
8. Indicare gli ULTERIORI altri contitolari RESIDENTI E DIMORANTI. Se ad esempio sono 2 i possessori, residenti e dimoranti nell’immobile, si deve indicare 1. La detrazione è divisa in parti uguali tra i soggetti passivi che adibiscono l’immobile ad abitazione principale, per 3 soggetti passivi che sono residenti e dimoranti nell’immobile indicare 2, la detrazione di 200 euro spetta per 66,66 euro ad ogni contitolare.
 
N° FIGLI CONVIVENTI
9. Indicare il numero dei figli, del soggetto passivo, residenti e dimoranti abitualmente nell’immobile adibito ad abitazione principale, con età non superiore a 26 anni (al compimento del 26°anno di età decade il diritto alla ulteriore detrazione). E’ possibile indicare un massimo di 8 figli.
 
PERTINENZE  

10. Solo per gli immobili con destinazione ad  “abitazione principale” il sistema propone l’inserimento delle relative pertinenze, possono essere 3, una sola per ciascuna  categoria catastale C/2, C/6 e C/7). 
 
 
Calcolo dell’imposta
Quando si è terminato l’inserimento di tutti i dati utili al conteggio, per singolo immobile posseduto, il programma può fare il calcolo dell’imposta. 
ATTENZIONE: Se ci sono più destinazioni d’uso durante l’anno per lo stesso immobile, si dovrà procedere con il conteggio separato per ogni periodo.
Esempio: se l’immobile è rimasto a “disposizione” per 4 mesi e per 8 mesi è  diventato “abitazione principale” si dovrà procedere con 2 calcoli, come segue:
1) selezionare “altri immobili”, inserire tutti i dati utili al conteggio e in particolare nel campo “mesi di possesso” inserire  “4” effettuando così il primo “calcola”; 
2) selezionare “abitazione principale e pertinenze”,  inserire tutti i dati utili al conteggio e in particolare nel campo “mesi di possesso” inserire “8”, effettuando così il secondo “calcola”;
A questo punto cliccando su calcola il sistema propone la “lista immobili” con il conteggio del dovuto IMU annuo.
Nelle “OPZIONI DI PAGAMENTO” (è possibile solo per  l’abitazione principale)  è necessario selezionare nelle “modalità di pagamento”, se è stato eseguito il versamento dell’acconto in 2 o 3 rate.
Si ottiene un prospetto riassuntivo del pagamento, dove si hanno i dati di calcolo del dovuto annuo, dovuto all’acconto e il totale pagato (dato presunto dal sistema ma che deve essere verificato e corrispondere ai pagamenti già effettuati con F24) in acconto, determinando il  Totale da Pagare a Saldo IMU.
Cliccando su stampa riepilogo è possibile stampare un riepilogo  (è un PDF) con tutti i dati inseriti e i calcoli effettuati.
Cliccando su stampa F24, dopo l’inserimento dei dati anagrafici del dichiarante, si può stampare il modello F24 “ordinario” (3 copie uguali) o “semplificato” (1 pagina); con l’F24 stampato è possibile effettuare il versamento presso qualsiasi banca, posta o agente della riscossione.