Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Logo della Unione dei Comuni Nord Est Torino

Richiesta concessione assegno di maternità (erogazione a carico INPS)

Unità organizzativa di riferimento

Ufficio Casa ed Affari sociali

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

MAGGIO Stefano

Referente ufficio competente

GALLINA Laura

DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Hanno diritto all’assegno di maternità le madri cittadine italiane, comunitarie ed extracomunitarie, (queste ultime in possesso di regolare permesso di soggiorno ) che - al momento del parto o dell’ingresso in famiglia del bambino  (a seguito di affidamento preadottivo o adozione) - non abbiano un rapporto di lavoro subordinato pendente o non siano comunque iscritte ad una Cassa Previdenziale (come lavoratrici autonome o professioniste).
La domanda di concessione dell’assegno va presentata dalla madre al Comune di residenza entro 6 mesi dal parto o dall’ingresso del bambino in famiglia e potrà essere accolta ove la ricchezza del nucleo familiare della madre richiedente non superi il valore I.S.E.E. di riferimento ( € 17.330,01 per l’anno 2019). Sono previste alcune ipotesi di legge in cui può presentare istanza per il presente beneficio altro soggetto titolato, in carenza del diritto della madre.
L’assegno concesso viene successivamente erogato dall’INPS (massimo € 1.731,95 per l’anno 2019).  
Normativa di riferimento: art. 74 D. Lgs. n. 151/2001;  D. M. N. 452/2000.

TERMINE PER L'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE

30gg

IL PROCEDIMENTO SI CONCLUDE CON SILENZIO ASSENSO?

NO

SOGGETTO ESERCITANTE IL POTERE SOSTITUTIVO

ARCH. ANTONIO CAMILLO

Procedimenti on line

Per il relativo modulo, clicca qui